Google Pay sbarca in Italia: tutto quello che c’è da sapere

È un sistema per fare acquisti online, ma soprattutto per pagare alle casse dei negozi con il proprio smartphone.

Come funziona Google Pay nei negozi fisici? Dopo aver registrato la propria carta di credito nelle impostazioni, basta sbloccare lo schermo dello smartphone e avvicinarlo al lettore POS e il pagamento sarà processato in pochi attimi grazie alla tecnologia NFC. Per importi inferiori ai 25 euro, le transazioni saranno libere, mentre per importi superiori verrà chiesto l’inserimento di un codice di conferma sul display dello smartphone. In pratica il cellulare sostituirà le carte contactless.

Come funziona Google Pay nei pagamenti online? In questo caso, funziona come per altri servizi di pagamento: bisogna selezionare l’opzione “Google Pay” tra le alternative offerte dai siti o dalle app. L’opzione non sarà disponibile da subito su tutti i siti: tra i primi, secondo Google, ci saranno Booking, Deliveroo, Flixbus, Ryanair e Vueling.

Chi può usare Google Pay? L’app è compatibile con Android dalla versione 5.0 in su e con WearOS (il sistema operativo Android per smartwatch). A breve verrà sviluppato anche per i dispositivi IOS della Apple. Gli smartphone devono essere dotati di tecnologia NFC, il sistema che consente la trasmissione dei dati tra due dispositivi a pochi centimetri di distanza, una decina al massimo. La maggior parte dei cellulari Android in circolazione sono idonei, in ogni caso per maggiori informazioni clicca qui per accedere alla pagina ufficiale di Google Pay.

Se volete scaricare l’app Google Pay dallo store di Google vi basta cliccare qui.

In generale Google Pay non rivoluzionerà tecnologicamente questo tipo di pagamenti in Italia. Ci sono già Satispay (che ha il 50% del mercato), Apple Pay e Samsung Pay. Sono però moltissimi i dispositivi che fino ad oggi erano rimasti fuori dal giro e il colosso di Mountain View ne approfitterà e a vedere i numeri, darà un impulso notevole nei pagamenti elettronici nel belpaese. Come dico spesso, staremo a vedere, per adesso, ma solo per adesso, è tutto.

 

Condividi o contatta su:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*