Rooms: la soluzione definitiva per le videochiamate di gruppo

Avevamo già parlato delle migliori piattaforme per fare videochiamate di gruppo come il popolare Zoom, Teams già presente in molti notebook aziendali, Google Meet, Skype o i più semplici Messenger e Whatsapp. Tutte hanno pro e contro, ci sono applicazioni che abbiamo già installate (ad esempio Whatsapp) ma con un limite basso nel numero di utenti in contemporanea. Altri servizi, come Skype, sono ben fatti e attenti alla sicurezza ma sono applicazioni da installare, procedimento semplice per i più ma non per tutti. E allora ecco che Mark Zuckerberg ha tirato fuori il coniglio dal cilindro: Facebook Rooms. Dalla prossima settimana sarà disponibile questo nuovo servizio che promette di mettere la parola fine ad una concorrenza sempre più agguerrita.

Come funzionerà?
Rooms è una piattaforma per le videoconferenze, con la possibilità per ogni utente di creare tante stanze all’interno di una singola videochiamata. Utilizzabile per scuola e lavoro ma anche luogo per incontrare gli amici grazie alla presenza di filtri e alla possibilità di personalizzare la location. Ogni videochiamata creata su Facebook Rooms può essere condivisa all’interno di un evento Facebook, su un gruppo, sulla propria pagina e persino su Whatsapp. Soprattutto non servirà avere un account e funzionerà anche per i non iscritti a Facebook.

Numero di utenti connessi
Disponibile da subito in Italia (che avuto priorità per via del coronavirus), consente di fare videochat tra 16 persone, che in futuro saliranno a 50.

Integrazione delle piattaforme
Rooms potrà essere utilizzato su smartphone, tablet e computer. Per poter accedere alla videochiamata sarà elementare, basta cliccare sull’invito che potrà essere ricevuto su Facebook, su Messenger, su WhatsApp, Instagram Direct, Portal o con un semplice link via mail.

Privacy
Secondo Zuckerberg sarà garantita al 100%. La privacy e la sicurezza delle stanze verrà anche assicurata dal fatto che gli amministratori potranno cacciare immediatamente gli utenti che non rispettano le regole o che mostrano contenuti non idonei. I link di invito alle stanze di Facebook Rooms verranno cambiati ogni volta che si caccia un utente, in modo da garantire la massima tranquillità.

Come già accennato la prossima settimana verranno rilasciate le versioni beta di Facebook Rooms che potranno essere scaricate dal Google Play Store e App Store per poterle testare. Sarà disponibile anche la web-app per l’accesso da desktop. Per adesso, ma solo per adesso è tutto, vi do appuntamento al prossimo articolo.

Condividi o contatta su:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*